how did democracy now! (DN!) change from a venue of structural critique of the dominant power structure to a slightly less embarrassing version of msnbc?

firstly i would like to point out that i’ve been watching daily dn! since 2001 and for many years, up to 2012, i was an active commentator of the livestream since it coincided with my lunch break and i have often praised dn!’s work (just to a twitter search for ‘@figuredisfondo dn!’ if you don’t believe me).

in addition, up to 2 years ago, at least half of the xmas presents that i gave to my family and friends came from the dn! store (actually i’m wearing right now a dn! hoodie) and i’m most proud of the fact that my whole inner circle is familiar with the content that has aired on dn! over the years.

but, most of all, i want to stress that i have the utmost respect for both amy goodman and juan gonzales.

however, in despite of all that background, i can’t help to notice that, since the election, most of the analysis that i got from dn! has followed a steep decline:

  • the critique (i use the term in the marxist sense of analysis) is not structural but focused on the ‘daily outrage/scandal’ that is part of the trump show
  • these ‘daily outrage’ items are covered mainly according to the liberal mainstream/democratic party narrative
  • the guests involved in the program most often provide a ‘middle school’ level critique that is not substantiated and, in the end, can be summarized as a general ‘trump stinks’ since the focus is not on the structural significance but on the ‘breach of etiquette’*.

as i wrote since the night of the election (https://twitter.com/figuredisfondo/status/796275794511269888) there are many parallels between the trump reign and the situation that we had here in italy during the berlusconi years and actually, with friends and comrades, it has become a sort of running joke to predict what will occur next… and, at the time of writing, almost all predictions have come to life….

however, leaving aside the although interesting aspects of the mythopoeia of emperor trump and his cohort, is sort of sad to see how the already week leftist opposition to the american empire (of which dn! was a corner stone) is following the same auto-destructive path that the anti-berlusconi opposition followed here in italy. i’ll try to illustrate the situation by points:

  • trump is a product of the culture of spectacle and showbiz/entertainment thus his actions follows the rules of that paradigm;
  • trump’s presidency generates a diffuse opposition in ‘unstructural’ segments:
    1. by unstructural i mean opposition that is aimed at the person and not at the power structure;
    2. unstructural critique created the “dissent consumerism” market that is exploited by ‘dissenting brands’ (maddow and the comedians such as jhon oliver, jon stewart ans steven colbert are examples of that. i’m not afraid to predict that soon, in the us, you’ll have also ‘dissent advertising’ as here in italy we had since 2002**)
  • trump’s presidency produces incremental daily outrages (i.e. being part of the spectacle culture these outrages tend to be each worse than the previous since the outrage has an inurement quality [i.e. what was outrageous yesterday and today becomes the tomorrow’s normality)

and here we come and what i believe are the causes of dn!’s steep decline into an unstructural critique voice:

  • catching up with the daily item
    1. by trying to keep up with the latest boutade is impossible to focus on the big picture
  • the easy way/good meaning wishful thinking:
    1. in the culture of spectacle paradigm (i prefer to describe it as bulimic) ultra-simplified messages are the winning ones.
    2. due to the resurgence of a vast base of unstructural dissent it is easy to be tempted to produce ‘entry level’/unstructural content accessible as the video of a cat on facebook, in the hope to gain enough attention to become more relevant in the hope that it can ‘educate’ it and then provide a structural critique that, at that point, would become mainstream
      1. but here comes the clash with reality (as here the italian experience)… if one chooses this approach (as dn! seems to have done) the time in which the new audience is enough ‘mature’ to accept a serious de-structural analysis of the power structures will never arrive: there will always be new audience to ‘lure’ and, in addition the changing in tone will dumb down quite a few of those who are part of the pre existing audience.

* as an example: when trump allegedly said “he knew what he was getting into” to the widow of a us soldier that died in niger last week, the ‘today’ dn! focused on the outrage. i like to believe that the dn! that i came to appreciate over the years would have ‘welcomed’ that moment of honesty and use it to focus on the structural issue that is us imperialism and the exploitation of the poor to wage the emprire’s wars.

** identity branding already exists and visible in the constantly gentrified segment of healthy food/veganism, but it is too long of an issue to insert it here

ps i’m leaving aside dn!’s coverage of the syrian crisis which has been embarrassing and borderline imperialist (check the dreadful journalistic performance of nermeen shaikh on the episode of may 3, 2017 while discussing with anand gopal. i obviously despise the assad government, but that episode was, beside the lack of follow-up questions and the passive acceptance of unsubstantiated claims, borderline “humanitarian interventionism” propaganda).

pps fortunately the vacuum left by the dn! has been filled by the real news network (also by dn! former member aaron mate), telesur and, partly, by rt… but it goes without saying that it would have been better to have all those voices.

Advertisements

su weinstein e cosa rappresenta

A few thoughts on weinstein and what he’s emblematic of:

  1. It’s not about sex, it’s about imposing power and dominance (as always is with rape);
  2. The fact that in his rapist/predatory boastings he pointed out that he is ‘a famous guy’ is indicative of the social shaming that he projected (or tried to project) on his victims;
  3. In addition to the previous point: the focus on his celebrity status and that he relied on the fact that the ‘evocation’ of future business opportunities would ensure silence confirms that:
    1. his rapist attitude was not only a modus operandi but a re-enacting of a business modelò
    2. in enacting his predatory farce, he relied on the dominant paradigm that celebrates fame and power and demands reverence for those who have it in the same way that, centuries ago, nobility was revered
  4. 99+% of power is projection of power itself. in their accounts several victims recall how the bastard boasted about derailing careers of people who had wronged him. I’m sure that it’s true but, in the meanwhile, he couldn’t have derailed the careers of those who had opposed him. That would, even on the medium term, exhausted all his power/influence. Once again, the bastard relied on social perception:
    1. e. in order to perpetrate itself power relies on
    2. intimidation/recognition
    3. threat
    4. acceptance/subjugation
  5. weinstein is not the problem, patriarchy is. the fact that there is a full sub-genre of porn dedicated to casting couches should be indicative.
  6. On the structural level. Consider the unbearable pressure that weinstein exercised on people who, according to the dominant paradigm, are ‘elite’… now imagine a sick fucking bastard of a business owner/factory boss praying on a voiceless worker.

Unite all struggles, subvert of all masters

Ps I’m keeping out all the elementary analysis on the imbalance of power between capital (weinstein) and labour (actresses) because I give them for granted

Il divieto del burkini segna un nuovo spaventoso passo nella discesa della Francia nel fanatismo Islamofobo

te- PREMESSA: questo testo è una traduzione di un articolo di @yasserlouati pubblicato su alternet nell’ambito del Grayzone Project (di cui consiglio caldamente la lettura). Qui l’articolo originale. –

Un sindaco Francese sta regolamentando l’abbigliamento da spiaggia delle donne Musulmane

di Yasser Louati (twitter @yasserlouati)

screen_shot_2016-08-15_at_3.13.01_pm

La notizia di un ulteriore divieto che colpisce le Musulmane Francesi è stata trattata da tutti i quotidiani principali. Dopo il divieto del velo nelle scuole pubbliche, il divieto alle madri Musulmane ad accompagnare i figli nelle gite scolastiche, il divieto alle tate di indossare il velo, dopo che il Ministro Francese per la Condizione Femminile ha paragonato le donne Musulmane che indossano il velo a “negri a favore della schiavitù”, e addirittura dopo che l’ex presidente Nicolas Sarkozy ha dichiarato che le Musulmane che indossano il velo non sono le benvenute in Francia e che la sua compagna di partito Nadine Morano le ha comparate ai nazisti, il sindaco di Cannes ha emanato un’ordinanza che vieta l’uso di ‘costumi a corpo intero’, o burkini, sulle spiagge pubbliche.

Il motivo? “la morale e la laicità”, concetto che è stato distorto al punto tale da non essere più riconoscibile. Il sindaco si è spinto addirittura oltre dichiarando che quell’abbigliamento è “l’uniforme delle presone con cui siamo in guerra”.

Il significato di questo divieto va ben oltre l’esclusione delle donne Musulmane che indossano il velo da un ulteriore spazio della società Francese. Ora un sindaco può, benché la legge lo vieti, dichiarare pubblicamente che ha emanato un’ordinanza mirata a colpire un gruppo di persone per la loro fede religiosa. Il silenzio del governo sulla questione sottintende un tacito accordo su questa demagogia anti-Musulmana.

In Europa, e particolarmente in Francia, l’Islamofobia a raggiunto nuove vette (o abissi) e non c’è motivo per essere ottimisti in quanto sia la destra che la sinistra  condividono la stessa visione su come comportarsi con i cittadini Musulmani.

Purtroppo, dato l’approssimarsi delle elezioni presidenziali Francesi, le primarie e il diffuso malcontento sociale, saremo destinati a raccontare altre storie riguardanti Islamofobia e ‘sicurezza nazionale’.


Intervento dell’autore del post su BBC World Service

 

quando l’entry level è una barriera evolutiva

spessissimo in trending topic su twitter, oltre a cazzate su bieber et similia, compaiono hashtag che fanno riferimento a programmi televisivi ‘impegnati’ e talk-politici.

il dramma è che rappresentano quelli che vorrebbero essere momenti ‘impegnati’ mentre, in realtà, di impegnato non hanno nulla e sono solo una rappresentazione da manuale di ‘apparente’ e, pertanto, questi programmi non possono definirsi di approfondimento politico.

sono dei reality show per ‘politici eletti’ in quanto le discussioni non vertono su questioni politiche strutturali (se non, e solo nelle occasioni ‘migliori’, in maniera estremamente tangenziale) ma su aspetti marginali ed hanno un focus sulla spettacolarizzazione e la rappresentazione emotivamente identitaria.

di norma si affronta il ‘fatto del giorno™’ che tende ad essere di due tipologie (con frequenti crossover):

  • ricerca del gossip/retroscena (inteso come: il politico X ha detto Y. come influenzerà questo i rapporti nel partito K?), semi-scandalo, gaffe del momento, creazione dei personaggi
  • discussione sulla legiferazione in corso e/o resoconto di ‘incontri istituzionali’

ovviamente in nessuno di questi casi vengono affrontati elementi ‘core’ (es TPP), la rappresentazione è ultra-semplificata e spettacolarizzata, i commenti, tanto degli ospiti quanto dei giornalisti, sono dello stesso livello di quelli che si ascoltano stando in coda alle poste, la visione rappresentata è di brevissimo termine e l’analisi dell’impatto sulle forze sociali è del tutto assente.

stilizzando: l’approccio, e di conseguenza il messaggio che se ne trae, è di tipo bulimico; ogni argomento è ‘singolo’ e scisso dal contesto della società e pertanto non consente alcuna visione d’insieme.

connect_the_dots

va inoltre notato che la spettacolarizzazione porta al consumo identizzante per cui gli spettatori sono spinti a tifare per ‘una squadra’ e non a ragionare sui topic.

nei casi in cui compaiono elementi di ‘dissenso’ questi sono al livello di ‘tutti ladri’ e l’accento è posto sugli aspetti legalitari e mai di giustizia sociale (cfr i recenti scontrini per allodole del ‘caso marino’: la discussione, anche tra persone animate da ottime intenzioni, era sul se fosse o meno onesto. aspetti come il suo recentissimo definire ‘sfregio’ un’assemblea sindacale sono stati bellamente ignorati) e, pertanto, creano consumatori di dissenso che sono, de facto, strumentali al potere e potenzialmente reazionari.

Continue reading

Premessa: questo è un commento a questo post su giap.

poi ho realizzato di essere stato troppo lungo

leggendo il post mi sono venute in mente un paio di cose sulla presupposta neutralità delle notizie, sull”obiettività™’ del 50/50 journalism (ottimamente smantellata da robert fisk ( che approfondisce l’argomento nel suo “the age of the warrior”) e sul ruolo che la ‘scientificità/razionalità’ hanno nella costruzione dell’immaginario e dell’identità del moderno occidentale™ (sul topic segnalo l’interessante “I don’t believe in atheists” di chris hedges).

disclaimer: sono consapevole di avere il brevetto di volo pindarico ma reputo che si tratti comunque di argomenti correlati al topic del post 😛

-sull’informazione-

la neutralità nelle notizie è una farsa così come lo è lo spacciare l’esposizione dei fatti™ per il fare informazione. senza una chiara esposizione del contesto un evento fattualmente vero può facilmente fornire una rappresentazione distorta/falsa dell’avvenimento.

_________

un esempio:

fatto: a luglio israele ha sgomberato 2 edifici di coloni in cisgiordania.

notizia: internazionale ha riportato la notizia così: “l’esercito israeliano sgombera alloggi illegali in cisgiordania”. l’articolo si chiude con l’indicazione che “[gli insediamenti illegali] sono considerati un ostacolo al processo di pace nella zona”.

messaggio che se ne trae: israele sta allontanando i coloni (che nell’immaginario liberal sono i veri cattivi) e sta cercando di riattivare il processo di pace™.

contesto che manca: 1) negli stessi giorni è stata annunciata la costruzione di nuove colonie; 2) D: cosa c’è dietro la pratica di smobilitazione e ricollocamento di alcune colonie? R: ci sono le teorie del prof. dan schueftan, uno dei principali consulenti del governo israeliano dai tempi di sharon ed ideatore del muro di separazione. nel suo “the need for separation” schueftan teorizza, per risolvere il ‘problema demografico’, la prassi dell’hafrada (separazione): smantellare colonie/insediamenti dai territori in cui non è possibile instaurare una consistente maggioranza di popolazione ebraica in modo da evitare la ‘levantinizzazione’ di israele e, nel contempo, costruire insediamenti ‘accerchiando’ i più piccoli villaggi palestinesi in modo da creare artificialmente una forte maggioranza ebraica in una determinata area.

ovviamente, alla luce del contesto, la notizia appare totalmente differente.

_________

restando nell’ambito dell’informazione un ulteriore elemento fuorviante molto simile al feticismo dei fatti™, che pure viene spacciato per certificazione di obiettività, è quello del giornalismo bilanciato o 50/50 journalism (tralascio la falsa idea figlia dell’ultrasemplificazione e strumentale al bipolarismo per cui su un dato argomento le opinioni siano al massimo due).

purtroppo anche tanti ‘armati di buone intenzioni’ hanno fatto proprio l’approccio ultrasemplificato e, per raggiungere una platea più vasta, finiscono per appiattire le proprie argomentazioni riducendole a soundbites senza realizzare che in realtà stanno facendo il gioco del ‘nemico’. su questo gli esempi si sprecano, primo tra tutti l’antiberlusconismo… but i digress…

è grazie al 50/50 che è possibile inscenare la rappresentazione di un dibattito complesso come quello sugli ogm appiattendolo su ‘dannoso /non dannoso’ senza affrontare elementi strutturali come gli aspetti relativi al brevetto. in tantissimi casi il 50/50 è vero è proprio teatro.

il 50/50 journalism elimina contesto e complessità ed è responsabile sia dei vari talk(freak)show che appestano l’etere (in cui personaggi patetici come civati vengono spacciati per opposizione e/o un eventuale attivista è rilegato al ruolo dell’uomo serpente/donna barbuta/freak a piacere) sia del fatto che, appena una situazione si presenta come controversa™, ci debba essere una voce che sostiene la causa ‘mainstream’.

una delle cose interessanti è che, nella maggioranza dei casi, la voce ‘dissonante’ non è neanche rappresentata da un ospite e/o una dichiarazione ma dalla notizia in sé.

_________

un esempio:

durante il massacro di gaza dell’anno scorso le voci palestinesi erano assenti dai media e le dichiarazioni di zuhri, portavoce di hamas, non sono state riportate se non, raramente ed in terza persona, dagli inviati a gerusalemme (nei rari casi in cui era presente una voce che condannava i vari massacri questa apparteneva ad un occidentale (moni ovadia spopolava)).

nel contempo le conferenze stampa israeliane erano spesso in diretta ed i vari consoli, ambasciatori, portavoce delle comunità ebraiche e sionisti vari alla rondolino erano ospiti fissi (a cui, ovviamente, non venivano poste domande ma dato spazio libero per cimentarsi nell’hasbara)

specificamente ricordo che su rainews (che è stata tra le meno peggio nel coprire la guerra), dopo la notizia della devastazione di shujaiya, fu dato spazio ad uno di questi personaggi (mi pare fosse pacifici ma non ne sono certo) per fornire il punto di vista israeliano.

sempre restando sul massacro di gaza, ricordo casi in cui il 50/50 era rappresentato da due servizi. ad esempio: servizio 1: bombardamento di un ospedale a gaza; servizio 2: la paura degli abitanti delle colonie. ça va sans dire che, in tutto questo bilanciamento, erano assenti il contesto e informazioni indicative come il carico delle varie testate dei missili israeliani e dei razzi palestinesi.

_________

-sulla scientificità/razionalità-

premetto che non faccio riferimento al cicap in quanto è un contesto che non conosco ed a cui non sono interessato.

ho notato che negli ultimi anni è emersa ed ha acquistato rilevanza il ‘personaggio’ del ‘razionale™’ (non obbligatoriamente professionale e la cui formazione non è per forza scientifica).

il razionale™ non va confuso né con il divulgatore scientifico né con chi ha un approccio analitico e/o è un sostenitore del metodo scientifico.

le varianti sono tante ma, in generale, il razionale™ si fa paladino della scientificità/modernità, si batte appassionatamente contro la religione, ama parlare di ‘dati’, è frequentemente portatore del sacro fuoco dell’iconoclastia (passione, imo, alquanto infantile), è beffardo ed ama dileggiare i ‘non razionali’ e, benché in alcuni casi possa porsi come critico del sistema, tende a considerare l’occidente™ come superiore in quanto faro della produzione scientifica/tecnologica, delle libertà™ e del progresso™. in molti casi l’occidente™ assume anche un ruolo ‘civilizzatore’ (una sorta di riedizione del white man’s burden di rudyard kipling).

come dicevo le varianti sono molteplici ma, leggendo il post, mi è venuto in mente il contesto degli anti -teisti che si marchettizza proprio come ‘razionale’.

benché oggi molti tra gli esponenti principali non si facciano scrupoli a rilasciare dichiarazioni palesemente razziste/islamofobiche e para-fasciste (cfr dawkins, harris o il defunto hitchens che, attraverso un cherry-picking dei suoi articoli, continuava a venir spacciato come ‘di sinistra’ nonostante avesse abbracciato le teorie di huntington e dichiarasse di trovarsi in linea con personaggi come wolfowitz), il claim di questi razionali™ resta quello della confutazione delle superstizioni/parascienze e degli approcci non scientifici.

il ‘problema’ che ho con i razionali™ è, oltre alla visione suprematista che puzza di para-fascismo, che presentano una visione ultrasemplicistica della nostra specie. una visione in cui, una volta sconfitta la ‘superstizione’, la razionalità provvederà a portarci in un mondo ‘ottimale’ in cui supereremo le nostre limitazioni.

questa visione è, per quanto possa apparire allettante ai gonzi, a) dogmatica; b) presuppone un punto di ‘fine’ della storia; c) quella che spaccia per ‘razionalità’ è, imo, una visione individualistica della società che suona molto simile ai discorsi sull’interesse individuale che muove il sistema capitalistico (cfr in particolare dawkins e harris).

una delle questioni problematiche è che, data l’ultrasemplificazione diffusa e l’assenza di sistema immunitario intellettuale, la figura del razionale™ è fortemente identizzante ed ha molto appeal tra chi si colloca emotivamente a sinistra (vuoi per la storica ingerenza vaticana/ecclesiale, vuoi per l’interpretazione letterale del “la religione è l’oppio dei popoli”… senza considerare che oggi la religione dominante è, de-facto, quella del mercato: alla mano di dio che sfiora l’indice di adamo si sostituisce quella invisibile del mercato grazie alla quale scelte egoistiche del capitale portano un beneficio generalizzato).